Crida ha lanciato durante la Milano Fashion Week 2024 la sua nuova collezione: ce la raccontano Cristina Parodi e Daniela Palazzi

Dietro ogni brand di successo c’è un segreto. E anche dietro il successo che in questi anni ha caratterizzato la linea di moda Crida c’è un unico e solo segreto: le sue creatrici, Cristina Parodi e Daniela Palazzi. […]

Leggi l’articolo completo

Crida aggiunge un tocco “metropolitano” per l'AI 2024/25 | Crida Milano

Crida, brand di abbigliamento femminile made in Italy fondato nel 2019 dalla giornalista Cristina Parodi e dalla sua amica designer Daniela Palazzi, punta deciso verso la propria espansione estera, dove oggi è presente in una trentina di negozi multimarca, mentre circa 70 sono dislocati sul territorio nazionale. […]

Leggi l’articolo completo

La collezione FW24 Metropoli del brand di Cristina Parodi | Crida Milano

Crida Milano, brand creato da Cristina Parodi, continua il suo viaggio in Veneto, tra la laguna e le ville per ribadire che la moda italiana è artigianalità.

Allure metropolitana, silhouette più asciutta e per la prima volta abiti e completi total black: tutto questo è la nuova FW24 di Crida Milano! […]

Leggi l’articolo completo

Crida Milano svela la collezione "Metropoli" | Crida Milano

È una svolta importante quella che Crida presenta nella collezione fall winter 24/25, introducendo il nero.

Il focus come sempre è sugli abiti che, ispirati dai nomi delle città venete, acquistano splendore e importanza: il Venezia dress è nero, in seta con una profonda scollatura bordata di velluto. […]

Leggi l’articolo completo

“Se domani tocca a me voglio essere l’ultima”

La poesia di Cristina Torres Caceres, che vi invito a leggere se non lo avete ancora fatto, è un pugno nello stomaco.

È la lettera scritta alla madre da una delle tante ragazze che vivono sulla loro pelle la paura dei femminicidi.

Parlando con le mie figlie di 22 e 27 anni ho capito che c’è una distanza siderale tra il loro modo di pensare e vivere questa situazione e il nostro. Mi ha colpito molto la condizione di estrema vulnerabilità’ che anche loro avvertono: tornando a casa la sera, viaggiando da sole o lavorando in una società che solo apparentemente accetta l’empowerment femminile, ma che continua a considerare le donne oggetti da ammirare, anche con commenti non richiesti, che pongono le ragazze in condizione di inferiorità e di disagio.

Se entro in un bar a prendere un caffè e il barista mi dice “ma come sei bella, quando torni da queste parti?”, non va bene mi dice mia figlia. E io che di situazioni simili da giovane ne ho vissute tante, mi rendo conto di non aver ma dato peso a frasi come questa, anzi di esserne stata quasi lusingata.

Sbagliando.

Perché difficilmente in una situazione opposta, barista donna e giovane carino che entra nel locale, ci sarebbe un simile approccio.

Segno che la cultura maschile continua ad essere incentrata sul potere del maschio dominante che giudica la donna dall’aspetto.

Quante volte noi donne siamo valutate per la nostra fisicità? Sei grassa, sei magra sei vecchia sei sexy. Quante volte i media presentano donne autorevoli e affermate nel proprio campo dicendo: ecco a voi la bellissima e bravissima tal dei tale. Se si tratta di un uomo il giudizio estetico ovviamente viene omesso. Lui è autorevole e basta.

Io credo che sia arrivato il momento di fare una riflessione profonda su come stanno crescendo i nostri ragazzi, influenzati non solo da questi comportamenti infelici, ma anche dalla violenza verbale dei social e da un tipo di musica, rap e trap, che è un inno continuo alla forza e al potere maschile nei confronti delle ragazze che o sono troie o sono di proprietà di un singolo. Un ragazzo oggi può avere tante donne ed è un figo, una ragazza che ha avuto tante relazioni è una poco di buono.

Per affrontare l’emergenza femminicidi (e siamo arrivati a 105 vittime dall’inizio dell’anno in Italia) devono cambiare gli uomini, quegli stessi che oggi dicono “io non sono come loro “per alleggerire la propria responsabilità individuale.

Non basta.

Forse lo diceva anche Filippo Turetta, l’ultimo assassino, prima di aggredire Giulia Cecchettin, ucciderla a coltellate e abbandonarla in un dirupo. Eppure sembrava un bravo ragazzo, tanto che il suo avvocato, uomo, si è affrettato a raccontarci che lui l’amava tantissimo e che le faceva perfino i biscotti.

Io credo che oggi ci sia ancora troppa distanza tra i due sessi nella percezione del problema.

Le donne sono sempre più forti e gli uomini, nonostante gli atteggiamenti machisti, sempre più fragili. Non ci sarebbe niente di male in questa evoluzione della società (tutto ciò che abbiamo ottenuto ce lo siamo ampiamente meritato) se non fosse che alcuni uomini non sono in grado di gestire il cambiamento di ruoli, si sentono sottovalutati, sminuiti e finiscono per trasformare la loro debolezza in aggressività e violenza. Giulia si sarebbe laureata prima di Nicola, era più brava, e sarebbe andata via a lavorare, Giulia non sarebbe più stata la sua ex fidanzata sempre a disposizione per una pizza o un giro in città. Giulia avrebbe incontrato qualcun altro, come è giusto che sia per una giovane donna che ha deciso che lui non rappresentava più il suo futuro.

Quindi lui, invece di perderla, lui l’ha uccisa.

Ma questo ragazzo che viene da una famiglia borghese, che frequenta ingegneria biomedica, e probabilmente immagino avesse letto storie e testimonianze sui femminicidi, come poteva essere convinto che tutto ciò non lo riguardasse? Come poteva non sentirsi parte del problema?

E soprattutto: se il problema sono gli uomini, perché di femminicidi parlano solo le donne?

Io vorrei per questo 25 novembre una manifestazione contro la violenza femminile fatta solo di uomini, perché sono stanca di sentire in queste occasioni solo consigli su quello che dobbiamo o non dobbiamo fare noi: come proteggere le potenziali vittime, in che modo aiutarle a denunciare, guai ad andare all’ultimo appuntamento.

Smettiamola di chiederci perché Giulia ha accettato di incontrare Filippo o perché è salita su quell’auto. La domanda che dobbiamo farci è: perché non riusciamo a crescere i giovani con un’educazione sentimentale basata sul rispetto e sulla parità? Perché gli uomini ancora uccidono le donne?

Gli stivaletti con tacco a spillo di Cristina Parodi | Crida Milano

Tra le calzature passepartout di questo Inverno 2023, gli stivaletti con il tacco a spillo sono sicuramente tra le opzioni più gettonate. Versatili e di grande impatto, sono loro a dettare tendenza per questa stagione, abbinandosi perfettamente ai look più grintosi: da scegliere nelle colorazioni evergreen del bianco e del nero, promettono di diventare degli infallibili alleati di stile.

Leggi l’articolo completo

La gonna di jeans di Cristina Parodi ci ispira per tutto l'Autunno 2023 | Crida Milano

Protagonista della Milano Fashion Week (in corso d’opera dal 19 al 25 settembre), Cristina Parodi non solo ha presenziato durante diverse sfilate della settimana della moda meneghina, ma ha anche presentato la nuova collezione Crida Spring Summer 24, ispirata alla Puglia. Durante le sue apparizioni, Cristina Parodi ha ovviamente sfoggiato look del brand suo e di Daniela Palazzi e, tra i vari outfit indossati, siamo rimaste conquistate dalla sua gonna di jeans lunga, anche grazie al sapiente styling.

Leggi l’articolo completo

Cristina Parodi alla Milano Fashion Week: «Il brand Crida pronto per andare all’estero» | Rassegna Stampa | Crida Milano

Al via le presentazioni nel capoluogo lombardo. Il volto noto della tv – insieme con la socia e amica Daniela Palazzi – lancia la collezione dell’estate 2024 del brand, che si ispira alla Puglia: «In vista lo sbarco sul mercato internazionale».

Leggi l’articolo completo

Crida fa tappa in Puglia con la primavera-estate 2024 | Rassegna Stampa | Crida Milano

Crida ha anticipato di un giorno l’inizio ufficiale della Milano fashion week presentando ieri la nuova collezione di abiti. Le fondatrici Cristina Parodi e Daniela Palazzi hanno accolto gli addetti ai lavori all’interno di Identità Golose svelando le proposte primavera/estate 2024 dedicate alla Puglia.

Leggi l’articolo completo

Crida fa tappa in Puglia con la primavera-estate 2024 | Rassegna Stampa | Crida Milano

La collezione estiva del brand fondato da Cristina Parodi e Daniela Palazzi prosegue il suo viaggio tra le regioni italiane ed arriva nella regione del tacco.

Leggi l’articolo completo